Alberto Tadiello – Adunchi

di Micol Di Veroli Commenta

Venerdì 19 novembre T293 inaugura a Napoli, “Adunchi”, la seconda personale di Alberto Tadiello. Partendo dall’osservazione di elementi animali e artificiali, la mostra si sviluppa attraverso una raccolta di disegni e stampe riprese dalle tavole sinottiche di un vecchio dizionario di ornitologia e alcune sculture in metallo che rimandano a forme di becchi, aratri, lame e scaglie rocciose. Il progetto si concentra sulle diverse traiettorie in volo di picchiata e di caduta libera di alcune specie di uccelli, attivando una forte dialettica tra la loro spinta e l’ineluttabile attrazione gravitazionale.

I disegni che appaiono quasi delle miniature, sono ottenuti attraverso una stratificazione di lucidi, carte veline o da forno, colle e burro cacao. Le figure ritratte, benché diafane e trasparenti, lasciano avvertire l’inquietudine di un’energia tellurica. Nelle stampe i dettagli anatomici acquisiscono un singolare vigore grazie ad un procedimento di scansione e ristampa che include errori e imprecisioni: tagli dello sfondo, strappi della carta, brandelli di nastro adesivo. Nell’insistenza e nella ripetizione i ritratti si caricano d’inquietudine; i colli mostrano allungamenti e compressioni, le teste si distendono in inventari di becchi uncinati, affilati, netti, come nella rappresentazione di uno schema evolutivo. Al tempo stesso i corpi si profilano appena pressati e imbullonati tra spessi fogli di plexiglass, mentre i toraci si deformano dentro le pieghe della carta da spolvero. La presenza estrema delle sculture è fonte di timore da parte dello spettatore che viene da esse puntato e additato. Il metallo che le compone s’incunea nello spazio e apre squarci. L’occhio di chi le osserva diviene tattile, rapito e incastrato, quasi torturato dalla complessità delle linee.

Alberto Tadiello è nato a Chiampo (Vicenza) nel 1983 dove attualmente vive e lavora. Nel 2009 è vincitore del premio Furla. Mostre personali: 2010, ‘Variable Intensity Rain Gradient Aloft’, Newman Popiashvili Gallery, New York; ‘Perarolo09’, Perarolo di Cadore; ‘7. Premio Furla 2009’, Fondazione Querini Stampalia, Venezia (entrambi nel 2009); ‘Erasable Programmable Read Only Memory’, T293, Napoli; ‘VIR Viafarini-in-residence’, Viafarini, Milano (entrambi nel 2008). Mostre collettive: ‘Si-Sindrome Italiana’, Le Magasin, Centre National d’Art Contemporain de Grenoble, Grenoble; ‘Person in Less’, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Guarene / Palazzo Ducale, Genova; ‘Linguaggi e Sperimentazioni’, Mart – Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, Rovereto; ‘ARS – Artist Residence Show’, Fondazione Arnoldo Pomodoro, Milano; ‘21 x 21esimi’, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (tutte nel 2010); ‘No Soul For Sale – A Festival of Independents’, X Initiative, New York; ‘Premio Lum’, Teatro Margherita, Bari; ‘Science versus Fiction’, Bétonsalon Centre d’art et de recherche, Parigi (tutte nel 2009).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>