Florence Design Week

di Redazione Commenta

Spread the love

Allestimenti d’autore, forme in azione, ricerche e progetti innovativi, designers, giovani, arte, focus su ecosostenibilità, sfilate, performance, musica e “Progetti per il Made in Italy”, concorso in partnership con London Design Festival. Questo e molto altro ancora nel cuore di Firenze, dove design e ingegno si incontreranno dal 24 al 29 maggio.

Intelligenza, talento, ma anche voglia di sorprendersi e divertirsi. È la ricetta di FLORENCE DESIGN WEEK, il Festival del Design dedicato al futuro e alle imprese. «Vogliamo dare valore al Design, promuoverlo e favorirne una partecipazione emotiva e sensoriale», spiegano i direttori artistici Alessandro Pumpo e Marta Mandolini, che per il secondo anno consecutivo hanno invitato a Firenze designers, architetti, artisti, aziende e partners per offrire ai visitatori uno sguardo sul design italiano e internazionale. Ogni progetto nasce da un’idea originaria, che il Florence Design Week vuole andare a riscoprire. Bozze, schizzi e relazioni dedicate al processo creativo che ha permesso la realizzazione di lavori concreti che verranno presentati con installazioni di arte e di design. L’apertura della manifestazione è prevista per martedì 24 maggio alle ore 15.00 a Palazzo Medici Riccardi, per dare il via a una settimana di giornate internazionali di Design. Più di 40 gli eventi e le locations, dagli open-studios di designers e architetti a vetrine di negozi e gallerie d’arte, tanti appuntamenti con professionisti di fama internazionale che saranno raggiungibili grazie agli info-bike points, punti informativi che rappresentano un modo sano e pulito di muoversi in città, attraverso un percorso di arte contemporanea e itinerari dedicati ai quattro elementi (Acqua, Terra, Aria e Fuoco).

Un Festival giovane rivolto ai giovani con il concorso “Progetti per il Made In Italy”, voluto dagli organizzatori per incentivare la produzione del design nostrano ed esportare oltremanica le idee vincenti, grazie alla partnership con il London Design Festival.

Locations storiche saranno la cornice di appuntamenti imperdibili: Palazzo Medici Riccardi ospiterà martedì 24 la presentazione a cura del prof. Mecacci del libro “Psicologia e design” e mercoledì 25 maggio alle ore 15.00 Aldo Colonnetti presenzierà alla presentazione del libro “Design in Italia”, entrambi i volumi editi da Giunti; le Murate, da poco inaugurate ufficialmente, saranno centro focale della manifestazione con numerose installazioni e con un percorso inedito su prenotazione alle “sale congelate” a cura di Codici a [s]barre; la Biblioteca Nazionale Centrale sarà vetrina del “Design per la lettura” con designers italiani e con l’artista-designer Alessandro Gedda; nella suggestiva cornice del Grand Hotel Minerva sarà possibile ammirare “Design in trasparenza” attraverso il vetro, l’acqua e il ghiaccio, ospite lo scultore Paolo Staccioli; a Villa La Vedetta saremo di nuovo in compagnia di Artour-o con il suo giardino d’autore con vista mozzafiato su Firenze; a Palazzo Borghese troveremo il “Design a Palazzo” con interventi inediti come la linea Elephant ideata da Paolo Ceccarini e realizzata dalla ditta Grelli e i progetti dello studio di architettura SPD-Architecture; “Auditorium al Duomo” e Caffè Astra al Duomo apriranno alla mostra “Natura e Luce” all’interno dei “90 giorni per il Dialogo tra Culture” con Life Beyond Tourism®; il suggestivo Palagio di Parte Guelfa ospiterà interventi speciali a cura dell’Università degli Studi di Firenze e di ADI Toscana; senza dimenticare le installazioni presso Hotel Cellai, Casa della Creatività, Piazza Ghiberti, Mercato di Sant’Ambrogio, Terrazza Bardini e gli workshops aperti presso Accademia Riaci. Progetti che, insieme all’International Area del complesso delle Murate, vedranno protagonisti artisti italiani e internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>