SMELL OF ART? SMELL OF EAST LONDON!

di Alessia Avallone Commenta

E’ un giorno come tanti. Torno da lavoro come ogni sera in sella alla mia mountain-bike solcando le strade della mia magica Londra. L’attraverso dal giorno alla notte in piena libertà. East London è il mio quartiere, la mia base, il mio mondo. C’è chi per godere dell’arte al giorno d’oggi si reca in grandi musei o in rinomate gallerie, a me basta attraversare le strade e solcarle lentamente con gli occhi ben spalancati, preferisco farlo quando la città è silenziosa, durante la notte o nelle prime ore del mattino: ne sento l’energia, ne assaporo il gusto, ne percepisco l’odore.

Ed è in quel momento che capisco di essere nel posto giusto al momento giusto. Quello che sta accadendo in questo pezzo della città è difficile da raccontare attraverso semplici parole, bisognerebbe che ognuno ne vivesse l’esperienza. Essa si affaccia al 2012 carica di positività e fiducia. E’ durante questi momenti di silenzio e solitudine che la città prende le sembianze di una persona e sono le strade a parlarmi attraverso un unico mezzo di comunicazione che è quello dell’arte: in dettagli piccolissimi e quasi impercettibili o attraverso opere maestose e vistosissime. Hackney Wick, Brick Lane, Shoreditch: sono le gallerie a cielo aperto che visito tutti i giorni. Nascosti ai bordi dei marciapiedi o dei muri incontro le figure quasi invisibili di Pablo del Gado che si riflettono sulla strada che sto solcando; di fronte, un palazzo imponente viene ricalcato dalle vibranti lettere topografiche di Eine; sui tetti e i terrazzi scorgo i mostri futuristici di Ronzo; sparsi ovunque i piccoli e coloratissimi mosaici di Space Invader; ad adornare palazzi e muri le esili figure vulnerabili e in movimento di Stik; su palazzi abbandonati e siti industriali i mastodontici animali in bianco e in nero di Roa.

Un muro di mattoncini rossi tipicamente inglesi, è il fondo sul quale scovo uno degli ultimi lavori di Banksy, lui non ha mai abbandonato questa città e l’East London è stato da sempre teatro dei suoi lavori più importanti: mi ricorda che “Non ho bisogno di chiedere un permesso per costruire castelli nel cielo”. Vivendola, assaporo tutto il potere della street art: essa ci induce a riflettere ogni giorno su quello che siamo e su quello che sta accadendo nel nostro mondo in maniera concettuale ed immediata. Le opere di questi artisti vogliono aggiungere qualcosa al tessuto urbano giocando sulle nostre paure e sull’incertezza del nostro futuro.

Faccio ritorno verso casa, con gli occhi e la mente colme di sapere. Sto per introdurre la chiave nella fessura della porta quando attaccato ad un lampione scorgo un poster: un semplice foglio bianco dove qualcuno mi invita a staccarne un pezzetto; ogni pezzetto è un secondo, devo prenderlo e sorridere: “Prendi un secondo e sorridi” mi suggerisce. Lo prendo, sorrido. E penso con grande gioia di aver fatto la scelta giusta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>