Open Doors_Corruptions all’Istituto Svizzero

di Micol Di Veroli Commenta

Il progetto conclusivo di fine anno dei membri dell’Istituto Svizzero di Roma 2012 è curato quest’anno da NERO e, a partire da un’idea condivisa tra i membri del settore Arti e del settore Scienze, prende il titolo di Open Doors_Corruptions.  Open Doors_Corruptions è una mostra, un libro e una serie di performance artistiche e musicali che si svolgeranno nell’arco di un solo giorno, il 21 giugno 2012 dalle ore 18.00 alle 24.00.

Le diverse parti, nel compenetrarsi a vicenda, si modificano e perdono alcune delle loro caratteristiche tradizionali, assumendo una forma unitaria più simile ad un happening che ad una mostra tradizionale. In senso classico, l’idea di corruzione è presente in ogni manifestazione fisica: il mondo materiale è la versione corrotta del mondo spirituale. Secondo una visione strutturale invece, la corruzione è la perdita, il decadimento, quasi sempre sotto forma di cambiamento non reversibile, di qualcosa nell’atto di un passaggio. Un oggetto o un pensiero si modificano a causa di uno spostamento, fisico o intellettuale, da un punto ad un altro.
Nella mostra l’idea di corruzione è intesa come trasmissione e trasformazione di uno spunto creativo. I lavori, pensati appositamente per la mostra da Laurent Faulon, Sabine Gisin, Pascal Janovjak, Luc Mattenberger, Delphine Reist, Marcel Saegesser & Cyrill Lim,saranno presentati in ambienti tra loro contigui e comunicanti. Alcune opere saranno in comunicazione l’una con l’altra, trasformandosi e corrompendosi a vicenda, definendo specifiche forme di collaborazione e di sovrapposizione. Altre vivranno una vita più autonoma, nella quale però la trasformazione e il cambiamento sono parte del lavoro stesso.

Il libro prende invece spunto da un’idea dello scrittore Pascal Janovjak e dello storico dell’arte Grégoire Extermann e coinvolge tutti i membri dell’Istituto, insieme ad alcuni contributi esterni. Diviso in due capitoli, il libro si basa su due cicli di trasmissione che partono da un’opera architettonica nel primo caso e un’immagine di un affresco nel secondo. Questo messaggio di partenza viene passato da una persona ad un’altra e trasmesso – una volta sotto forma di testo, l’altra sotto forma di immagine – attraverso una catena lineare. Il punto di partenza verrà pertanto trasformato e corrotto in modo irreversibile. Tramite il libro, il lettore sarà in grado di ripercorrere il passaggio temporale di trasformazione contenutistica e formale dell’oggetto identificato in partenza.

Le performance faranno da contrappunto allo svolgersi dell’evento, alternando progetti degli artisti in mostra ad altri di carattere prettamente musicale. I contributi si concentreranno sull’idea di corruzione, dialogando tra loro, con il contesto che li ospita o relazionandosi direttamente con il tema generale del progetto.

Durante gli orari della mostra sarà anche possibile partecipare e visitare il Congresso dei Disegnatori, progetto ideato da Paweł Althamer in occasione della Solidarity Action promossa dall’Istituto Svizzero di Roma nell’ambito della 7a Biennale di Berlino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>