Santarcangelo 12 a Santarcangelo di Romagna

di Redazione Commenta

Spread the love

La quarantaduesima edizione del Festival di Santarcangelo torna a occupare il calendario per 10 giorni consecutivi con spettacoli ogni sera. Tra progetti speciali e coproduzioni il festival mette in scena la città, con Richard Maxwell, Virgilio Sieni e Zapruder filmmakersgroup. Santarcangelo •12 inaugura inoltre il suo blog e rilancia il Centro Festival e il Dopofestival. Santarcangelo •12 Festival Internazionale del Teatro in Piazza, primo atto della nuova direzione artistica triennale guidata da Silvia Bottiroli con Rodolfo Sacchettini e Cristina Ventrucci alla condirezione, propone una formula piena che occupa il calendario dei suoi dieci giorni senza soluzione di continuità.

Appuntamenti ogni sera (anche nei giorni feriali) dal 13 al 22 luglio ininterrottamente, per un’edizione che potrà accogliere un numero più cospicuo di spettatori grazie anche all’utilizzo di nuovi spazi-spettacolo con capienze più ampie, e al maggior numero di repliche in programma. Uno dei nodi di questa quarantaduesima edizione del festival affronta il rapporto tra le arti della scena e la rappresentazione della vita quotidiana, delle emozioni e della relazione tra sé e gli altri. “Abbiamo immaginato molti progetti fuori formato rispetto al teatro – afferma Silvia Bottiroli – che sconfinano con semplicità e con spudoratezza nelle nostre vite comuni, che coinvolgono bambini, anziani, cittadini e non in creazioni di artisti capaci di operare un cortocircuito tra la scena e la vita, lontano da ogni forma televisiva e da ogni narcisismo, a ricordarci come l’arte sia un luogo di distillazione del reale, uno spazio dove è possibile esercitare uno sguardo di inesperienza e di coraggio e farsi vulnerabili a ciò che non si sa e non si comprende, a ciò che non ci appartiene e a cui forse apparteniamo”.

Da queste riflessioni prendono le mosse alcuni progetti che ripercorrono la frontiera tra realtà e finzione, trovando nuove forme narrative nella partecipazione di persone comuni chiamate dalla scena per moltiplicare i segni e le storie; tra questi il drammaturgo e regista newyorkese Richard Maxwell(US) con Ads (Santarcangelo) e il coreografo toscano Virgilio Sieni(IT) con Sogni, entrambi già al lavoro in questi giorni a Santarcangelo per le prove dei loro spettacoli creati insieme dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>