Festival della Creatività: ORTICA – ORganic Theme In Contemporary Art

di Maila Buglioni Commenta

Arriva nella capitale il Festival della Creatività, una manifestazione interamente dedicata alle arti visive, al teatro, al cinema ed alla musica, che sarà inaugurato venerdì 08 febbraio presso il FACTORY – Spazio San Giovanni Roma Capitale (Ex Mattatoio di Testaccio).  Il collettivo romano ARTNOISE partecipa alla rassegna attraverso il progetto ORTICA – ORganic Theme In Contemporary Art: otto giovani artisti interverranno attraverso diversi media con l’obiettivo di riflettere sulla presenza e sull’utilizzo della materia organica nella creazione artistica. Per comprendere la tematica su cui ruotano le opere proposte occorre soffermarsi sul vocabolo “organico”. Il suddetto termine indica in primo luogo un ‘organismo dotato di ordine interno, risultato dalle leggi antichissime che regolano l’universo’, tuttavia il lemma riconduce anche ad ‘una trama aperta all’imperfezione che pone la sfida creativa della variazione improvvisa’.

I creativi coinvolti, partiti da questo concetto-guida, sono giunti ad elaborare lavori eterogenei attraverso approcci differenti fino a stabilire una trama di relazioni possibili tra sé ed il contesto che quotidianamente li circonda.

Andreco utilizza il video e la serigrafia per descrive i processi di transizione della materia –

dall’organico all’inorganico – sintetizzando il tema in un sistema di segni. Mentre, il video realizzato con Luca Clotide è uno sguardo nomade sul paesaggio, sul rapporto con la terra e sulla percezione dello spazio.

Nell’installazione intima e fiabesca di Roberto Atzori la vita viene raccontata ed immaginata nel suo essere primordiale, dove morte e deperibilità non arrestano il flusso della vita.  

Sulle pareti bianche si susseguono le mutevoli creature di Annabella Cuomo, le quali, vittime di un sacrificio, hanno perso la loro identità denunciando le emblematiche mutazioni che avvengono nella società contemporanea.

Diego Miguel Mirabella presenta un’installazione in cui il protagonista indiscusso è lo sguardo performativo di chi osserva: l’artista offre l’impercettibile delicatezza della polvere che lentamente attraversa il piano visivo per essere colta in un unico fugace instante.

Geometria Sacra, Cabala, Alchimia ed Astronomia sono i punti saldi dell’opera di Leonardo Petrucci: le singole discipline divengono sistemi di decodificazione delle leggi immutabili che contraddistinguono la natura, nel tentativo di stabilire un rapporto di reciproca determinazione entro cui ogni forma vivente è partecipe di un processo organico e multiforme.

Un approccio simile è quello di Alessandro Rosa, anche se maggiormente focalizzato sulla natura scientifica del tema poiché congiunge la definizione di materia organica con quella fisica di massa all’interno dello spazio. Maggiormente connesso allo studio delle leggi alchemiche è il lavoro di Alessandro Vizzini che conferisce all’antica scienza le coordinate universali attraverso cui interpretare il mondo, in essa convergono tutti i codici del sapere umano in un costante impulso di mutazione, prerogativa fondamentale della creazione artistica.

Infine, Angela Zurlo presenta il corpo umano offerto in tutta la sua vulnerabilità e nudità: tramite il ricamo che lo attraversa, ora quieto ora nervoso, ne vengono esplorati gli umori, liquidamente sospesi tra l’universo organico e quello concettuale.

L’evento, che sarà inaugurato venerdì 08 febbraio alle h19, resterà accessibile al pubblico fino al 03 marzo 2013.

  di Maila Buglioni

 

Festival della Creatività: ORTICA – ORganic Theme In Contemporary Art

dall’08 febbraio 2013 al 03 marzo 2013

FACTORY – Spazio San Giovanni Roma Capitale (Ex Mattatoio di Testaccio)

Piazza Orazio Giustiniani, 4

Vernissage: venerdì 08 febbraio h19

orario: venerdì e domenica h16-22; sabato h18-24

ingresso libero

info: t. 060608 – email [email protected] – www.incontragiovani.it

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>