Il Vaticano alla ricerca dell’arte contemporanea

di Redazione 1

Spread the love

Astuta mossa del Vaticano che si è reso conto di essere lontano anni luce dal mondo dell’arte contemporanea e tenta ora un provvidenziale recupero in zona Cesarini. Papa Ratzinger ha infatti intenzione di incontrare 500 artisti provenienti da ogni parte del globo, il meeting inizierà a novembre e farà parte di un nuovo programma del Vaticano mirato a ricucire lo strappo con il mondo dell’arte contemporanea.

Secondo alcuni portavoce della santa sede il raduno si terrà il 21 novembre prossimo alla cappella Sistina, l’evento è in realtà “il primo passo verso una nuova e fertile alleanza tra l’arte e la fede sperando che il gesto si tramuti in una sorta di pace dopo il grande divorzio” queste le parole del direttore dei musei vaticani, Antonio Paolucci. La lista degli invitati include artisti provenienti dai 5 continenti che spaziano dalla pittura, alla scultura e  dall’architettura al video. Gli ospiti sono stati selezionati senza tener conto del loro orientamento creativo, politico o religioso secondo quanto affermato dall’arcivescovo Gianfranco Ravasi presidente del Pontificio Consiglio della Cultura. Circa 75 artisti hanno già confermato la loro presenza all’incontro, fra di loro il celebre compositore Ennio Morricone ed il regista Bob Wilson. L’evento si svolgerà in concomitanza con il 10 anniversario dalla Lettera agli Artisti di Papa Giovanni Paolo II redatta nel 1999 e a 45 anni dall’incontro con gli artisti organizzato da Papa Paolo VI nel 1964.

Papa Paolo VI fu un grande appassionato di arte contemporanea, egli fu infatti incaricato di inaugurare il dipartimento di arte moderna religiosa ed arte contemporanea dei Musei Vaticani nel 1973, la collezione presente in quest’ala include opere di Auguste Rodin, Wassily Kandinsky, Pablo Picasso e Marc Chagall. Qualche tempo fa opere come Zuerst die Füsse, la rana crocifissa di Martin Kippenberger e Miss Kitty di Paolo Schmidlin, opera scultorea che ritrae Papa Ratzinger in atteggiamento ambiguo, avevano seriamente compromesso le relazioni tra arte e religione. Vediamo se questo evento pilotato riuscirà quindi a mettere pace tra questi due mondi.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>