Nicholas Hlobo, chi è?

di Redazione Commenta

Spread the love

Oggi 6 ottobre si inaugura presso la galleria e x t r a s p a z i o di Roma la seconda personale Ngubani na lo? di Nicholas Hlobo (Cape Town, SA, 1975). Nicholas Hlobo è noto per installazioni, performance e immagini che affrontano temi complessi e sollecitano diversi livelli di lettura. L’artista coinvolge l’osservatore nella costruzione di una storia dai molteplici significati.

Il titolo della mostra è Ngubani na lo? – traducibile con Chi è?: Chi sono le persone, da dove vengono e, soprattutto, quali identità si costruiscono nei vari contesti? Per Hlobo, porre interrogativi è fondamentale quanto l’atto stesso del fare. Le sue opere sono ricche di riferimenti alla cultura xhosa e all’esperienza di vita nel Sudafrica post-apartheid e al contempo rappresentano una riflessione più generale su temi quali lingua e comunicazione, genere e sessualità, razza ed etnia.
L’artista parla spesso del suo lavoro in termini di ‘scrittura’ e utilizza sempre per i titoli delle opere la sua lingua madre, lo xhosa, appartenente al ceppo nguni, molto diffusa in Sudafrica. Le sue poetiche espressioni idiomatiche, i proverbi e le ambiguità di senso, sono particolarmente adatte a eludere significati scontati e a minare stereotipi.Una lingua così flessibile da permettere che i termini possano essere recepiti in molteplici modi, ulteriormente arricchita dalle trasposizioni nelle altre lingue con le quali Hlobo comunica in Sudafrica, rappresenta per l’artista un capitale da ottimizzare: egli strappa, ricuce, taglia e ricompone materiali disomogenei, spesso di per sé carichi di ipotesi di interpretazione, per costruire sequenze di immagini imprevedibili, senza apparente struttura narrativa; ‘montaggi’ di fantasie che chiedono all’osservatore di continuare a sviluppare il racconto.

Camere d’aria di copertoni, che Hlobo recupera nelle officine, diventano simbolo dell’industrializzazione e dell’esperienza urbana. Allo stesso tempo, la gomma assume la valenza di un emblema della mascolinità. Possedere un’automobile è in Sudafrica uno status symbol prettamente maschile e le camere d’aria possono inoltre essere associate ai preservativi. Qui entrano in gioco la vulnerabilità e la precarietà delle certezze. Il condom è uno strumento d’uso comune ma è anche un feticcio maschile e per di più un motivo di conflitto per una delle più importanti culture religiose del mondo. Un po’ troppo per un oggetto cosi piccolo e leggero?

Hlobo si diverte da sempre a smontare e rimontare certezze acquisite e cliché e in particolare gli stereotipi di genere. In molti dei suoi lavori, gomme, nastri di raso, pizzi, merletti, forme approssimativamente falliche, ricami cangianti di spermatozoi e orifizi di incerta natura sembrano presi da un raptus che procura loro ineffabili piaceri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>