Linguaggi Complessi, Messaggi Complessi – I Neoconoduli

di Micol Di Veroli Commenta

E’ inaugurata ieri a Siracusa la mostra Linguaggi Complessi, Messaggi Complessi – I Neoiconoduli che vede la partecipazione di oltre 40 artisti che testimoniano l’odierno orientamento della rappresentazione nell’arte. È tempo di messaggi che magari non si capiscono immediatamente o facilmente ma che devono comunque arrivare al destinatario o fruitore attraverso il gioco dell’arte complesso, così come complessi sono i suoi linguaggi.

Iconoduli è un termine che si riferisce all’epoca Bizantina. A quel tempo, alcuni ritenevano che le immagini sacre potessero essere rappresentate (iconoduli); mentre altri si opponevano a tale tendenza (iconoclasti). Il termine Neoiconoduli è stato introdotto da Carmelo Strano (che cura la msotra) negli anni ’80, subito dopo il periodo delle neo-avanguardie. Il critico si riferiva a quegli artisti che andavano ben oltre la semplice rappresentazione ed i canoni prestabiliti. Essi erano invece interessati a comunicare qualcosa ma in modo non esplicito e con qualsiasi linguaggio espressivo.

La fotografia un tempo e, oggi, la virtualità, facilmente rendono l’opera d’arte anacronistica se essa insiste in forme naturalistiche o referenziali, come elementi naturalistici fini a se stessi o addirittura accademici. La condizione espressiva legata a un messaggio non facilmente, o non immediatamente, prendibile fa sì che spesso questi ambiti ormai cosiddetti figurativi siano stravolti fino allo piazzamento e all’irriconoscibilità: ironia corrosiva, concettualizzazione destabilizzante, manipolazioni formali e multimediali destrutturati, ecc.

Tale tendenza è particolarmente presente nel panorama artistico attuale e si manifesta in maniera sempre più viva.  A ciò si aggiunga  la forza disgregante, o diversamente aggregante, della condizione multi e interculturale.

La rassegna ha avuto un momento anticipatore con un primo nucleo di opere nell’occasione della Settimana della Cultura (aprile. maggio scorsi). Ora è pronta nella sua interezza e completezza e viene ufficialmente inaugurata con la piena esibizione di tutta la sua portata e del suo intero significato e valore.

Ciò, sulla base della collaborazione tra il Museo Bellomo (il BellomoContemporaryArtActivities) e il Comune di Siracusa. La rassegna è allestita presso l’apposito salone di palazzo Bellomo e presso l’edificio municipale ex-monastero del Ritiro. La Galleria Regionale di Palazzo Bellomo, specializzata in arte medievale e moderna, conserva l’Annunciazione di Antonello da Messina ed è accanto alla Chiesa di Santa Lucia alla Badia-dove si può ammirare il Seppellimento di S. Lucia del Caravaggio.

Espongono

Valerio Adami, Iole Alessandrini, Vanessa Beecroft, Tamara Bialecka, Ugo Cantone, Cesare Casati, Michele Ciacciofera, Elastic Group, Robert Gligorov, Maria Teresa González Gutiérrez, Jonathan Guaitamacchi, Mona Hatoum, Gary Hill, Catherine Ikam, Emilio Isgrò, Oki Izumi, Anish Kapoor, Yann Kersalé, Eve Andrée Laramée, Wei Li, Dante Maffei, Benoit Mandelbrot, Miltos Manetas, Elio Marchegiani, Gino Masciarelli, Milot Alfred Mirashi, Alfio Mongelli, Orlan, Denizhan Özer, Rivka Rinn, Alfredo Romano, Enzo Rovella, Nordine Sajot, Andrés Serrano, Medhat Shafik, Morgane Tschiember, Anan Tzuckerman, Stefan Vitanov, Bill Viola, Marilena Vita, James Wines.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>