Biennale di Venezia 2011:pronte Corea del Sud, Canada e Svizzera, Nuova Zelanda e Galles. Sgarbi intanto progetta una Biennale a Roma.

di Redazione 1

Spread the love

Novità  provenienti dalla prossima Biennale di Venezia edizione 2011. Ovviamente non possiamo ancora rendere noti i nomi dei partecipanti al Padiglione Italia curato da Vittorio Sgarbi, visto che fino ad ora sono state solo rilasciate alcune dichiarazioni su Fausto Pirandello e l’arte culinaria. Il Vittorione Nazionale ha inoltre affermato di voler organizzare una Biennale d’arte contemporanea anche a Roma all’interno del All’interno del Palazzo dell’Arte Antica, Spazio Novecento sito nel quartiere dell’Eur.

Stranezze a parte parliamo dei veri protagonisti della prestigiosa manifestazione, La Corea del Sud ha scelto di presentare Lee Yong-baek, artista noto per le sue sculture, per i dipinti ed i video che affrontano temi religiosi e politici. Nel frattempo anche il Canada ha nominato il suo artista per il padiglione nazionale, si tratta dell’artista multimediale Steven Shearer rappresentato in Italia dalla Galleria Franco Noero di Torino. Lo scultore Michael Parekowhai che recentemente ha creato un’opera con una Volkswagen ed un piano rappresenterà invece la Nuova Zelanda. La Svizzera ha invece deciso di puntare sul sicuro con l’abbinamento Thomas Hirschhorn e Andrea Thal ed il Galles ha chiamato Tim Davies, artista che solitamente si muove attraverso tematiche politiche.

Se avete perso i nostri precedenti bollettini sulle presenze alla prossima Biennale di Venezia 2011 vi forniamo qui di seguito un piccolo riassunto della situazione: La Russia ha scelto Andrei Monastyrsky, mentre la Scozia ha calato il suo asso, si tratta della scultrice Karla Black. La verde Irlanda ha reso noto il nome del suo ambasciatore a Venezia 2011. Si tratta di Corban Walker, artista celebre per le sue grandi installazioni e sculture che molto spesso sono costituite da fogli di vetro. La Germania presenterà l’artista Christoph Schlingensief curato da Susanne Gaensheimer. Il Giappone ha invece deciso di schierare Tabaimo (vero nome Ayako Tabata). La terra d’Israele ha scelto la bravissima artista Sigalit Landau, la Gran Bretagna ha scelto l’artista Mike Nelson, la Francia si affiderà al suo asso Christian Boltanski. L’Islanda invece punterà sul collaudato duo formato da Libia Castro e Ólafur Ólafsson. Infine gli Stati Uniti hanno definitivamente rotto gli indugi, scegliendo il duo portoricano formato dai camaleontici Allora e Calzadilla.

Commenti (1)

  1. whether one can see an interest level that eanvronmeitnl problems we face today is in any area of our lives and evil utilization of resources. however I think the way to show this problem does see it somewhat amusing and not taken fully into account. without taking into account the text and photos one would believe that photographs are only fun when they are not, although perhaps that is how you want to go into the forefront of people through the ironic, it is at the discretion of each . beyond everything is much more valid to touch these issues and not others as the city of mad!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>