Masbedo e il Rimedio della Fortuna

di Micol Di Veroli Commenta

Il 29 e 30 settembre è andato in scena al Palladium di Roma Il rimedio della Fortuna, evento facente parte della ormai nota e prestigiosa rassegna Romaeuropa Festival. Lasciateci affermare che si è raggiunto il vero capolavoro. Una narrazione sulle sfortune e sulle pene d’amore di Guillaume de Machaut, compositore e letterato del XIV, si è trasformata in una rilettura sperimentale densa di lirismo e pathos, giocata sul filo di una melodia totalmente ricostruita da Filippo Del Corno e magistralmente suonata dall’ensemble diretta da Carlo Boccadoro. Degno di nota anche il lavoro di Alex Cremonesi ai testi, il francese antico è stato cangiato in italiano moderno guadagnando una carica romantica senza precedenti. Sugli scudi Fanny Ardant, indimenticata musa di Francois Truffaut che ha recitato nella nostra lingua con incredibile fermezza e passione, aggiungendo nuove e struggenti emozioni ad una nuvola sonora già ricca di tentazioni drammatiche. A dare compattezza visiva a questo salto nel passato che si adatta così bene al nostro presente sono i visual dal vivo dei Masbedo. Intenso e vibrante il lavoro dell’art duo che trae linfa da movimenti minimi e da incessanti macro di oggetti e diorama, ricostruendo storie d’amore e famigliari le quali rassomigliano pericolosamente alle nostre. I due si muovono senza posa a far da contrappunto e ad incastro alla musica e alla suadente voce di Fanny Ardant. Passioni, gioie ed amori, cedono il passo a tragedie, separazioni e morte. Tutto all’interno di un variopinto intreccio di sensazioni, pulsioni e stimoli sonori che non manca mai di abbracciare caldamente lo spettatore, traghettandolo verso la fine di un viaggio indimenticabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>